I nostri obiettivi sono:

# Attivare la capacità di entrare ed uscire da un’emozione / immagine / personaggio in modo immediato.

# Arrivare alle emozioni in modo semplice ed organico attraverso il processo: “sensation / feeling / emotions”.

# Allenare i tre centri dell’attore: il pensiero, il sentire e la volontà.

# Essere in grado di tradurre in impulsi fisici ed azioni una determinata psicologia.

# Risvegliare la volontà come la ricettività.

# Incrementare la creatività e risvegliare il talento per una performance ispirata.

Condotto da Francesca Tomassoni (qui la bio), unica insegnante ufficiale di questa tecnica a Roma. Accreditata da Lenard Petit del “Michael Chekhov acting studio” di New York.
Francesca ha tenuto workshop su questa tecnica a Roma, Milano, Madrid, Sevilla.


 

WORKSHOP 2020

PRESENTI”

17/18 Ottobre 2020

H 11-18

Il primo workshop in presenza della stagione.

La particella di uno studio

di “Il dio del massacro” Y. Reza.

Si riprende finalmente l’attività in sala.

In sicurezza e con tutte le dovute attenzioni del caso.

Come anticipato sulla mail di presentazione della stagione, vorrei che i nostri weekend fossero delle possibilità di pratica avanzate.

E’ lo step successivo all’apprendimento delle varie sezioni della tecnica, che pure continueremo ad utilizzare.

E’ l’andare in scena con l’analisi ed il gioco, ovvero analizzando il testo di Yasmina Reza a partire dall’improvvisazione sui personaggi, così come la intendeva Michael Chekhov.

Svilupperemo quindi due “macro-aree”: la capacità di analizzare un testo e quella di metterlo in scena, con questa tecnica.

Il focus è sulla ricerca. In modo da lanciarci e sbagliare, anche mille volte, per crescere e formarsi.

Ma non si esclude, se il progetto potrà svilupparsi per un buon numero di weekend, una qualche forma di restituzione/presentazione del lavoro in forma pubblica.

Ogni workshop quindi è a sé.

Ma è anche il tassello di un percorso più complesso.

E’ richiesta la conoscenza dell’opera in oggetto. Verrà specificata in seguito la selezione degli stralci dei personaggi, tra cui scegliere quello da portare a memoria.

Ogni giornata sarà divisa in tre momenti:

  • riscaldamento psico-fisico
  • impro sui personaggi ( ognuno per sé tutti in contemporanea)
  • lavoro su scene e personaggi ( uno o più attori alla volta, a turno)

INFO PRATICHE

Il workshop si svolgerà nella sede romana dello studio:

Via Pistoia 1 C, Zona S. Giovanni.

Se venite da fuori Roma chiedete info per alloggi a buon prezzo vicino alla sala.

La sala ha adottato tutti i protocolli “anti-covid”.

H 11-18 con pausa pranzo

Per COSTI E MODALITA’ D’ISCRIZIONE: palestramc@gmail.com 3474429030

Il workshop parte con un minimo di 6/7 partecipanti, i posti sono limitati (12 partecipanti max).

*********************************************************

INTO THE GARDEN/ NEL GIARDINO

CHEKHOV & CHEKHOV

workshop tecnica Michael Chekhov su testi di Anton Chekhov

Sabato 7 MARZO H 11-18 e Domenica 8 MARZO H 11/18

Studio Michael Chekhov Rom Via Pistoia 1/c

Qual è la finalità di questo workshop?

Vorrei utilizzare questo workshop come un risveglio, un risveglio del corpo e del talento, per tutti quegli attori coinvolti nello studio e che da tempo non si allenano e per tutti i nuovi, i neofiti, che vogliano tuffarsi nelle acque della tecnica.

Mi piacerebbe stavolta creare una serie di esercizi per gli attori sfruttando gli elementi della tecnica, ma rielaborando le modalità. Perché sento la necessità di cambiare forme e modi.

Il percorso didattico sarà incentrato su “Il Giardino dei ciliegi” di A. Chekhov. Di cui si richiede una buona conoscenza.

Vale comunque l’affermazione seguente, usata per i precedenti workshop:

Nella due giorni lavoreremo attraverso la pratica al fine di passare da una recitazione spinta, declamatoria, poco organica e poco sentita, ad un tipo di espressione più autentica e semplice. Sia essa sottile o grandiosa.Allenando il corpo a seguire gli impulsi, a lasciarsi andare e farsi vivo, presente, ricettivo.”

Cosa faremo in quei due giorni?

MATTINA.

Nelle ore mattutine sperimenteremo nelle forme più nuove e disparate cosa accade mettendo insieme gli elementi della tecnica, delle partiture o messe in scena o improvvisazioni strutturate ed il bellissimo testo “chekhoviano”.

POMERIGGIO.

Nel pomeriggio continueremo il lavoro sull’opera: gli attori saranno liberi di lavorare sul pezzo che avranno scelto ed imparato a memoria.Sia in lavori di gruppo che singolarmente.

Il monologo scelto deve essere dichiarato al momento dell’iscrizione e imparato a memoria. Dato il poco preavviso può essere anche uno stralcio molto breve, ma ci aiuterà a lavorare sul personaggio scelto.

ANALISI DEL TESTO

Ultimamente l’indagine, da esclusivamente pratica, si è spostata anche nella zona dell’analisi, sempre seguendo l’esperienza degli études russi del “Mchat”,il Teatro d’Arte di Mosca fondato da Stanislavskij, in cui brillava la maestria dell’arte scenica di Michael Chekhov.

PER COSTI E ISCRIZIONI MAIL TO: palestramc@gmail.com

INVISIBLE SUSTAIN/SOSTEGNO INVISIBILE

CHEKHOV & CHEKHOV

workshop tecnica Michael Chekhov su testi di Anton Chekhov

Sabato 22 Febbraio H 11-18 e Domenica 23 Febbraio H 11/18

L’AQUILA

Info: https://www.fonderiafontesecco.it/masterclass/

————————————————————————————————————————————————-

FOLLOW THE IMPULSE/ SEGUIRE GLI IMPULSI

CHEKHOV & CHEKHOV

workshop tecnica Michael Chekhov su testi di Anton Chekhov

Sabato 11 Gennaio H 11-18/Domenica 12 Gennaio H 11/18

Qual è la finalità di questo workshop?*

Nella due giorni lavoreremo attraverso la pratica al fine di passare da una recitazione spinta, declamatoria, poco organica e poco sentita, ad un tipo di espressione più autentica e semplice. Sia essa sottile o grandiosa. Allenando il corpo a seguire gli impulsi, a lasciarsi andare e farsi vivo, presente, ricettivo.

* Il focus in particolar modo sarà sul saper ricevere gli impulsi che ci arrivano quando si lavora sugli elementi della tecnica e la capacità di trasmettere questi impulsi a tutto il corpo, rendendolo vivo e non ingessato o poco credibile, teso o “morto”. Molto spesso infatti si nota che seppure un impulso è stato accolto giustamente dall’attore a livello psicologico, e vissuto come sensazione, emozione, azione interiore, si fa invece fatica a vederlo vivere in tutto il corpo, sostenendolo nel tempo e fino in fondo.

I personaggi di monologo e scena possono essere diversi, o gli stessi. ANALISI DEL TESTO

Ultimamente l’indagine, da esclusivamente pratica, si è spostata anche nella zona dell’analisi, sempre seguendo l’esperienza degli études russi del “Mchat”,il Teatro d’Arte di Mosca fondato da Stanislavskij, in cui brillava la maestria dell’arte scenica di Michael Chekhov.

———————————————————————————————————————————————

Workshop 2019

TO BE ACTED/ LASCIARSI AGIRE

ovvero

CHEKHOV & CHEKHOV

workshop tecnica Michael Chekhov su testi di Anton Chekhov

Sabato 7 Dicembre H 11-18 Domenica 8 Dicembre H 11/18

Studio Michael Chekhov Rome Via Pistoia 1/c

Qual è la finalità di questo workshop?

Nella due giorni lavoreremo attraverso la pratica al fine di passare da una recitazione spinta, declamatoria, poco organica e poco sentita, ad un tipo di espressione più autentica e semplice. Sia essa sottile o grandiosa.Allenando il corpo a seguire gli impulsi, a lasciarsi andare e farsi vivo, presente, ricettivo.

Cosa faremo in quei due giorni?

MATTINA.

La mattina lavoreremo senza testo sugli elementi più disparati della tecnica: direzioni dell’energia, corpo energetico e sensazioni, azioni fondamentali, qualità di movimento, archetipi, gesto psicologico…e tutto ciò di cui avremo bisogno e che sarà necessario al momento, pescando dagli elementi della tecnica.

POMERIGGIO.

Il pomeriggio lavoreremo su stralci de: “Il Gabbiano” del grande drammaturgo Anton Chekhov. Va da sé che per partecipare al workshop bisogna che si conosca quest’opera, che va letta almeno una volta. In più bisognerà portare a memoria un monologo tratto da essa. Inoltre, una volta iscritti, vi verrà assegnato un dialogo (ed un partner con cui farlo), sempre tratto dell’opera, e sempre da imparare a memoria.

INFO: palestramc@gmail.com – 3474429030

————————————————————————————————–

“The sense of beauty/sentire la bellezza”

workshop intensivo tecnica Michael Chekhov

Sabato 23 Novembre e Domenica 24 Novembre H 10-17

PERUGIA, BIBLIOTECA DI SAN MATTEO DEGLI ARMENI

In questo workshop si introdurranno gli elementi basilari della tecnica, si lavorerà sull’andare a sentire l’energia che si propaga dall’interno ed anima sentimenti, sensazioni ed azioni. Lavoreremo per sentire quali direzioni prende quest’energia e che tipo di stati d’animo genera in noi, in modo spontaneo e semplice: bello.

La bellezza, intesa come autenticità è infatti uno dei “Quattro fratelli” ( The four brothers) su cui si basa tutta la tecica.

Le immagini della natura e le qualità di movimento ad essa legate ci guideranno inoltre per buona parte del lavoro.

In sala lavoreremo sia su esercizi specifici legati ai vari elementi della tecnica, sia applicando questi elementi ai testi portati dagli studenti, a cui si chiede di portare la memoria di un monologo, tratto dalla tradizione teatrale o cinematografica

————————————————————————————————-

“The art of transformation. le basi della tecnica”

workshop intensivo tecnica Michael Chekhov

Fonderia Fontesecco, Piazza Fontesecco 1, L’Aquila. 26 e 27 ottobre 2019

————————————————————————————————————————————————

Enter/Entrare dentro

workshop tecnica Michael Chekhov

Sabato 12 Ottobre H 11-18/Domenica 13 Ottobre H 11/18

Enter/entrare dentro”.Dal titolo ai fatti. Questo workshop mira ad entrare nel cuore della tecnica, per poterne utilizzare gli strumenti. Ma è anche un’entrata nel proprio essere artistico, per sentirlo, ravvivarlo, allenarlo. Questa volta non ci soffermeremo su un aspetto specifico, ma danzeremo tra i tanti elementi della tecnica per accenderci. I due giorni infatti saranno strutturati in un percorso di esercizi e lavori basati sui tanti aspetti della tecnica: sensazioni e direzioni, i tre centri immaginari, le qualità di movimento, staccato-legato, le atmosfere, stick/ball/veil, il gesto psicologico, le azioni fondamentali. Sarà una passeggiata che tocca i tanti aspetti per stimolare creatività e talento.

La mattina lavoreremo tutti insieme senza testo, in un percorso da me strutturato che porterà i partecipanti a svegliare il proprio artista. Lavoreremo con e senza musica, con giochi, improvvisazioni, alleneremo il corpo a sentire gli impulsi e lo renderemo permeabile alle emozioni.

Il pomeriggio sarà dedicato ai testi: vi chiedo di scegliere un monologo su cui lavorare e, per chi si conosce già, di accordarvi su un dialogo da portare. Per chi non si conosce può chiedere a me indicazioni a riguardo.

—————————————————————————————————————————————————-

SUMMER SCHOOL PAOLO GRASSI

“IMMAGINARE UGUALE SENTIRE”

workshop tecnica Michael Chekhov

7/13 Luglio 2019

La preparazione del monologo attraverso la tecnica Michael Chekhov

Un viaggio alla scoperta della tecnica che più abbraccia la trasformazione in scena o sul set. In un modo semplice, poetico ed efficace. Senza sfiorare la sfera personale e rinvigorendo l’artista ed il talento. Rendendo ripetibile l’ispirazione alla creazione.

Prepareremo due monologhi ad allievo, attraverso gli strumenti della tecnica Michael Chekhov, soffermandoci tra questi soprattutto sugli archetipi legati al mondo del femminile. Al mattino riscalderemo il corpo dell’attore e lo renderemo abile a ricevere i più vasti impulsi, che verranno tradotti in stati d’animo, personaggi, umori, vita in scena. Ci alleneremo alla trasformazione. E nel pomeriggio entreremo più da vicino nel merito dello studio dei monologhi. Dedicando a ciascun allievo anche una parte di lavoro individuale.

Destinatari

Attori, musicisti, danzatori, cantanti, artisti plastici, “performer”, studenti.

—————————————————————————————————————————————————-

“Il gesto psicologico/ dalle azioni agli archetipi”

workshop tecnica Michael Chekhov

Sabato 4 Maggio H 15-18-Domenica 5 Maggio H 11/18

A chi è diretto questo workshop?

Questo workshop è diretto ad attori professionisti che abbiano già esperienza per quanto concerne il lavoro sul set o in ambito teatrale.

Riserveremo altresì dei posti limitati per quegli attori più giovani che sono all’inizio di tale percorso.

Qual è la finalità di questo workshop?

Quella di imparare gli strumenti che questa tecnica ci mette a disposizione per lavorare con personaggio e relazioni in scena/set e risvegliare lo strumento dell’attore, il suo talento, la sua creatività. In particolar modo esploreremo il gesto psicologico e le implicazioni che lo legano alle azioni fondamentali ed agli archetipi.

Che cosa sono il “gesto psicologico”, le “azioni fondamentali” e gli “archetipi”?

Il gesto psicologico è una delle parti più importanti di questa tecnica. E’ uno strumento potente quanto semplice. E’, in due parole, un gesto che esprime una particolare psicologia. Si lavora coinvolgendo tutto il corpo, per poi venire interiorizzato. E’ connesso alle direzioni nello spazio e soprattutto riguarda la volontà del personaggio. Ci serviremo di questi gesti per lavorare sulle azioni fondamentali e sugli archetipi. Quando parlo di azioni intendo quelle azioni interne che svolge il personaggio per perseguire il proprio obbiettivo. Anche su queste la tecnica ha sviluppato degli strumenti essenziali e universali al tempo stesso. Il lavoro sugli archetipi infine definisce la vera natura del personaggio, ciò che egli è nel suo intimo. Gli archetipi sono tratti dalle tradizioni culturali dell’umanità e risiedono, per dirla alla Jung, nell’”inconscio collettivo”.

Cosa faremo in quei due giorni?

Il sabato pomeriggio lavoreremo sul gesto psicologico e risveglieremo in noi la capacità di sentire l’energia vitale e le direzioni che essa prende, e poi ci concentreremo sulle sei azioni fondamentali. La domenica invece lavoreremo sugli archetipi, sperimentandone alcuni, sempre attraverso il gesto psicologico. Ed infine giocheremo con tutti questi gesti psicologici legati ad azioni ed archetipi dotandoli delle più disparate qualità. Il tutto avendo la possibilità di lavorare con un testo. E’ perciò richiesto all’allievo un testo a memoria tratto dalla tradizione teatrale o cinematografica.

Risultati previsti

Al termine del workshop sarete in grado di piangere, ridere, essere tristi o arrabbiati, provare paura, sentire il cuore come un blocco di ghiaccio o un’atmosfera di pericolo, vi sentirete innamorati, allegri, vittoriosi o qualunque compito richieda il copione, il personaggio, il provino che state preparando o le prove a teatro. Senza passare per una dimensione psicologica/ individuale e quindi uscendone istantaneamente e privi di inquinamento per il livello emozionale. Sarete invece pieni di energia creativa.

Entro quando iscriversi?

Lunedì 29 Aprile 2019

E’ richiesta la preparazione di un monologo a memoria.

Il workshop parte con un minimo di 8 partecipanti.

I posti sono limitati.

Per info ed approfondimenti: palestramc@gmail.com 3474429030

—————————————————————————————————————————————————

“Wake Up!”

Sabato 30 Marzo H 15-18-Domenica 31 Marzo H 11/18

Questo workshop è diretto ad attori professionisti che abbiano già esperienza per quanto concerne il lavoro sul set o in ambito teatrale.Riserveremo altresì dei posti limitati per quegli attori più giovani che sono all’inizio di tale percorso.

Impareremo gli strumenti che questa tecnica ci mette a disposizione per lavorare con personaggio e relazioni in scena/set e risvegliare lo strumento dell’attore, il suo talento, la sua creatività. In particolar modo ci soffermeremo sulle “qualità di movimento”. Lavoreremo inoltre con “direzioni”, “sensazioni”, “gesto psicologico” e “centri immaginari”.

Le “qualità di movimento”

Costituiscono una parte essenziale della tecnica e sono legate alla sfera del “come”, definiscono cioè una qualità, una modalità in cui il personaggio agisce e sono molto connesse con le relazioni. Sono legate alla natura ed in particolar modo ai 4 elementi: acqua, aria, terra e fuoco. Alle azioni legate a questi elementi: fluire, scolpire, irradiare e volare. Ed alle infinite immagini che da questi scaturiscono.

Cosa faremo in quei due giorni?

Il sabato pomeriggio lavoreremo sulle 4 qualità di movimento sperimentandole con e senza testo, in esercizi ed improvvisazioni ad hoc. E passeremo anche per gli altri elementi della tecnica sopra citati per riattivare il corpo/mente.La domenica invece ci dedicheremo a declinare immagini specifiche tratte dalla natura e dai 4 elementi su personaggi di monologhi che vi chiedo di portare a memoria, traendole dalla tradizione teatrale o cinematografica. La scelta deve pervenire al momento dell’iscrizione e si richiede di portare un cartaceo del monologo al workshop come copia per la docente.

Iscrizioni entro: Lunedì 25 Marzo 2019

Il workshop parte con un minimo di 8 partecipanti.

I posti sono limitati.

————————————————————————————————————————————————-

Workshop 2018

“The art of transformation I”

24 Marzo H 14-20
25 Marzo H 10-17 (con pausa pranzo)

In questo primo workshop si introdurranno gli elementi basilari della tecnica, quali:
il corpo energetico, le direzioni fondamentali, i quattro fratelli, le immagini e i centri immaginari, le atmosfere, le qualità di movimento.

Agli allievi è fatta richiesta di portare la memoria di un monologo teatrale ed uno cinematografico a scelta.

Prenotazioni entro il 10 Marzo 2018.
Numero minimo di partecipanti: 8

“The art of transformation II”

21 Aprile H 14-20
22 Aprile H 10-17 (con pausa pranzo)

Questo secondo workshop, che può essere vissuto come continuazione del primo o slegato da esso, vedrà gli allievi concentrati su gesto psicologico e lavoro su personaggio a partire dai tre centri di mente, sentimento e volontà ( stick/ball/veil). Lavoreremo comunque sul corpo energetico e la capacità di entrare ed uscire in modo rapido dalle immagini.

Agli allievi è fatta richiesta di portare un paio di stralci di monologhi cinematografici, dove i personaggi siano molto diversi l’uno dall’altro.

Prenotazioni entro il 10 Aprile 2018.
Numero minimo di partecipanti per workshop: 8.

Per info sui costi: palestramc@gmail.com

Sarà altresì possibile preparare audizioni e provini – sia teatrali che cinematografici- accordandosi su lezioni individuali o di gruppo.

All’interno di alcuni workshop ci saranno degli incontri con la macchina da presa, per sondare la relazione tra questa e gli attori.

Infine il percorso formativo culminerà a Maggio ( 21-25) con un workshop di una settimana diretto da Lenard Petit del “Michael Chekhov acting studio” di New York.

INFO: palestramc@gmail.com – 3474429030

Nel video un estratto da una delle nostre lezioni